Sbagliando si impara il francese !

On 11 giugno 2014 by Traduzionefrancese.net

Quando s’impara una lingua, bisogna sempre esercitarsi il più possibile, anche a rischio di sbagliare. Fa parte del processo di apprendimento perché come dice il proverbio : “sbagliando s’impara”…

Scrivere in francese

 

Rispetto all’italiano, la lingua francese presenta altre difficoltà : un suono si può scrivere in più modi. Per fare un esempio semplice, in francese, il suono [o] si può scrivere “o” come in “police”, “ô” come nella parola “hôtel”, “au” come in “chaud” o anche “eau” come ad esempio in “chapeau”, “eau de toilette”.

Bisogna quindi memorizzare sia la pronuncia che la scrittura di una parola perché non sono sempre collegate e sapere pronunciare una parola potrebbe non bastare per saperla scrivere correttamente.

Per capire meglio le difficoltà dell’ortografia francese, prendiamo l’esempio delle parole omofone. Si tratta di parole pronunciate nello stesso modo ma scritte in modo diverso e che soprattutto hanno un significato diverso, come nel caso sottostante :

VINGT : venti

VIN : vino

VAIN : vano

VAINC : sconfigge

VINT : venne

 

Questa omofonia potrebbe anche portare a scrivere in modo totalmente diverso e di senso compiuto due testi, alla pronuncia identica. E’ quasi un capolavoro, alla Raymond Queneau (il geniale scrittore francese di Esercizi di stile) ma purtroppo non si sa chi è l’autore del testo seguente.

Une dictée sans fautes

Une dictée, 100 fautes

Dans la cuisine du vieux chalet

Un ravioli, au fond d’un petit poêlon, réchauffe. Et il dore sous une couche de gruyère râpé. Le vieux chalet est bien tranquille. Pour le dîner, tout sera grillé, appétissant, fondant. Le fromage est posé sur un plat ravissant, sans doute, et d’une bouchée, il sera avalé ! Le saucisson gras et bien tendre sera coupé en rondelles et, servi sur un plateau. Le chocolat bout, le verser sera délicat et dangereux ! D’un seul coup, il écume et gorge le chalet d’un bon et tranquille parfum…

Dans la cuisine du vieux chat laid

Un rat vit au lit, au fond d’un petit poêle long. Réchauffé, il dort sous une couche de gruyère râpé. Le vieux chat laid est bien tranquille : pour le dîner, tout ce rat, gris et appétissant, fond dans le fromage. Et, posé sur un plat, ravi, sans s’en douter, d’une bouchée, il sera avalé ! Le sot, si son gras est bien tendre, sera coupé en rondelles et servi sur un plat. Oh ! le choc ! Holà ! Bouleversé ce rat délicat est dangereux ! D’un seul coup, il écume, égorge le chat laid d’un bond et, tranquille, part. Fin.

 

Gioco dei sette errori

Lo scrittore e filosofo francese Voltaire diceva “Ama la verità ma perdona l’errore.”

Ma sicuramente non pensava che sul menu al muro di un ristorante a Parigi, ci potessero essere 7 errori in sole 44 parole. Va bene che “errare humanum est” ma se sei madrelingua francese, è meno perdonabile…

Volete dare una mano all’autore di questo menu ? Non esitate a utilizzare i commenti per indicargli le parole sbagliate.

errori 1 Traduzionefrancese.net

Copyright © 2013 – 2016 – Traduzionefrancese.net – All rights reserved

 

Forse potrebbe interessarti anche :

Imparare il francese

Falsi amici in francese

Espressioni francesi più celebri

 

 

2 Responses to “Sbagliando si impara il francese !”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy